Non è finito tutto

La graphic novel su Antonino Caponnetto

andrea camilleri

Continuò a combattere fino alla fine

| 1 commento

C’è un’immagine di lui che non riesco più a togliermi dagli occhi, mentre sale in macchina e pronunzia qualche stentata parola d’estremo sconforto. Il suo volto, le sue parole, in quel momento mi fecero molta paura. Una paura quasi fisica che mi spinse immediatamente a spegnere il televisore. Se uno come Caponnetto arrivava a toccare quel fondo di scoramento assoluto, pensai, allora tutto era veramente perduto. Ma già dalla celebrazione del funerale di Borsellino capii che quella sua forza interiore si era non solo ricompattata, ma aveva preso un nuovo slancio. E infatti continuò a combattere sino alla fine, non più nelle aule giudiziarie, ma nelle aule scolastiche, o dovunque fosse possibile, per spiegare cosa era la mafia, quale tremendo danno arrecava al tessuto vitale non solo della Sicilia, ma dell’intero nostro Paese.

dalla prefazione di Andrea Camilleri

Un commento

  1. “Non mi faccia dire altro”… aggrappato alla mano del giornalista… Non ti dimenticheremo, Antonino! E grazie di tutto!

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.

*


quattro − 1 =